reportCamilla

Tralasciando tutti gli aspetti culturali e politici, ovvero senza soffermarsi su tutto ciò che è il contorno della missione: le usanze che portano, ad esempio, uno stato a non permettere alle bambine di tenere i capelli lunghi perché hanno un costo eccessivo per delle famiglie povere o ancora quelle stesse usanze che ti portano a vedere bambini marchiati sul viso o ai quali vengono strappati il dente davanti per far passare gli spiriti o altre cose dovute a una cultura davvero diversa dalla nostra che mi hanno portato ad incazzarmi con una cultura ancora troppo arretrata per essere nel 2018, vogli soffermarmi sulla missione: stare con i bambini dell’orfanotrofio costruito dalla carovana del sorriso.

Quindi, tralasciando tutti gli aspetti di una cultura che sono facilmente additabili e condannabili da persone che, come me vivono in Italia devo dire che i bambini ti rubano il cuore.

Il lavoro fatto dalla “Carovana del Sorriso Onlus” è davvero degno di nota: in una società dove le parole come ordine, pulizia ed igiene sono sconosciute, mi sono ritrovata di fronte ad un orfanotrofio con bambini invidiabili anche dai nostri bambini italiani. Chi non vorrebbe vivere con 16 bambini che giocano e ridono e scherzano e mangiano e dormono tutti insieme?!!

Chi non vorrebbe che tutti i sabati e le domeniche siano giorni di festa con musica a tutto volume e balli tutto il giorno?!!

Sono più adulti degli adulti.

Sono più puliti degli adulti.

Sono più protettivi degli adulti.

E con la parola adulti metto dentro tutti gli adulti: tanzaniani e non.

Grazie alle regole impartite durante ogni missione sanno che la cucina e la sala da pranzo vanno sempre pulite, che ci sono i turni: per lavare, aiutare in cucina e anche per giocare.

Sono pieni di un amore che non so da chi l’hanno imparato perché la maggior parte di loro i genitori non li hanno più o, che è forse peggio, non li hanno voluti perché costano “troppo”.

Ringrazio la carovana da parte dei bambini che sono pezzetti di cuore che vagano in una società che li avrebbe abbandonati in mezzo ad una strada.

Grazie per avergli dato un tetto e una speranza di un futuro migliore.

rbt

rbt

btr

btr