67413734-c90b-4241-9a80-f914df6544b4

Un fiore come segno di speranza e di gratitudine. Un girasole che insegue i raggi di luce così come le volontarie della Caravona del Sorriso di Alghero, hanno inseguito la speranza di restituire fiducia e speranza alle miglia di persone che si sono sottoposte a vaccinazione. Da mesi le volontarie sono impegnate in prima linea sul fronte ”emergenza Covid” nell’hub vaccinale allestito nella palestra ”Mariotti”.
Un girasole che esprime allegria, profondo senso di ammirazione, rispetto e gratitudine , a partire da Monica Pulina, presidente del Gruppo Sardegna della Carovana del Sorriso.
Alla presenza del sindaco della città catalana, Mario Conoci, ha donato un fiore a ciascuna volontaria in segno di gratitudine per il prezioso lavoro svolto, rispetto al quale il primo cittadino ha espresso ammirazione e stima a nome della collettività.
La Carovana del Sorriso si appresta intanto ad affrontare un cambiamento epocale. A breve il suo patrimonio umano, costruito con anni di preziosissime esperienze e opere meritevoli di volontariato, confluirà in una Fondazione . ‘’Diluire’’ le nostre energie in un mare piu grande , sottolinea il Presidente Nazionale e fondatore di Carovana, Beppe Mambretti, per dare una certezza di futuro ai nostri bimbi e per farci capire che ormai in nostro intervento non sara’ solo a distanza ma di prossimita’ i volontari di Alghero sono stati pionieri in questo capendolo prima di altri e la loro presenza al Mariotti lo dimostra nella conretezza .
I volontari del Gruppo Sardegna di Carovana del Sorriso, parteciperanno ad un incontro organizzato ad Alghero nel mese di Agosto, in cui Beppe Mambretti e Monica Pulina, ringrazieranno personalmente le volontarie sarde, illustrando i dettagli di questa nuova sfida per ” esserci sempre ,esserci a prescindere” sostiene ancora il Presidente del sodalizio .